Home
  1. Associazioni Tartarughe e Enti Internazionali
  2. Turtle Survival Alliance: Cos'è e Come funziona

Cos'è e come funziona il Turtle Survival Alliance

Come funziona il Turtle Survival Alliance e quale la sua missione? Leggi la recensione e scopri cosa fa per salvare le tartarughe.

- Radiated Tortoise (Astrochelys radiata) Foto: Brian Horne. -

Molte volte avrai letto, anche qui su Rugatartaruga.eu, del Turtle Survival Alliance (TSA), ma non abbiamo mai spiegato cos'è, cosa fa e quali sono i suoi progetti di salvaguardia a favore delle tartarughe terrestri e d'acqua dolce.

Questa recensione ha appunto lo scopo di presentarti in sintesi le caratteristische e funzionalità del TSA, perché possa conoscere il lavoro silenzioso di migliaia di scienziati e scenziate nel mondo, accompagnato da volontari amici delle tartarughe 🐢.


Laghetto da giardino

Cos'è il Turtle Survival Alliance (TSA)

Il compito dell'Alleanza per la sopravvivenza delle tartarughe, è nel nome stesso: agire per la conservazione delle tartarughe contro la loro estinzione in natura.

Questo ciò che fa il Turtle Survival Alliance (TSA) con l'ausilio di numerose organizzazioni internazionali, nazionali e locali che incontra lungo la sua opera di ricerca e conservazione.

Storia del Turtle Survival Alliance

Il TSA nasce nel 2001 come partenariato dello IUCN (International Union for Conservation of Nature).

Nei primi tempi il TSA era tutto sulle spalle della Task Force costituita dallo IUCN, appositamente costituita per occuparsi delle tartarughe. Il primo compito affidato al TSA, la gestione sostenibile in cattività delle tartarughe d'acqua dolce e tartarughe terrestri.

Ma il motivo che spinse a costituire il TSA fu la crisi delle tartarughe in Asia esplosa in quegli anni. La Asian Turtle Crisis fu la risposta all'inarrestabile raccolta di tartarughe dalla natura per rifornire il mercato cinese.

Quell'esperienza, mai conclusa ma semplicemente evolutasi nel tempo, è diventata la base dell'approccio tenuto dal TSA in tutti gli altri scenari di crisi che nel tempo sono esplosi in varie parti del mondo.

Oggi il TSA è un punto di riferimento internazionale per quanto riguarda la tutela attiva delle specie di tartarughe minacciate dall'estinzione. Basti ricordare l'emergenza in Madagascar del 2018 e l'emergenza tartarughe in India a inizio 2019.

Il Turtle Survival Center

Una delle pietre miliari nella storia del TSA è sicuramente il Turtle Survival Center, fondato nella Carolina del Sud (USA) nel 2013. Il Centro nel 2018 ha ottenuto la certificazione AZA dell'Association Zoo & Aquariums.

Il Turtle Survival Center custodisce circa 700 esemplari di tartarughe terrestri e d'acqua dolce, appartenenti a 30 specie diverse e prossime all'estinzione. Il centro non è quindi un parco per tartarughe simile a uno zoo, la struttura è un avamposto nel mondo dove tenere in vita specie di tartarughe che in natura, in alcuni casi, non sono più presenti o non si avvistano da decenni.

Il Turtle Survival Alliance in India

I progetti attivati dal TSA sono molti e in varie nazioni:

  • Madagascar;
  • Colombia;
  • Belize;
  • Myanmar;
  • India.

Il Turtle Survival Alliance in India è tra i programmi più vasti in essere. Qui sono attivi programmi di salvaguardia per ben 17 specie di tartarughe, tra cui la Nilssonia nigricans ormai estinta in natura ma protetta all'interno di un tempio indù.

Turtle Survival Alliance Symposium

Il Turtle Survival Alliance Symposium è il più importante convegno mondiale sui cheloni che si ripete annualmente negli Stati Uniti d'America, ed è organizzato dal TSA in collaborazione con il gruppo di specialisti dello IUCN-TFTSG.

Durante il Symposium, della durata di circa 4 giorni, scienziati e ricercatori si scambiano informazioni sulle ricerche condotte, sullo stato di conservazione delle specie di tartarughe terrestri e tartarughe d'acqua dolce a rischio estinzione.

Il simposio è l'occasione per rinforzare e rilanciare i progetti in essere.

- Il Simposio del 2019 svoltosi a Tucson, Arizona, USA. -

Come diventare socio (membership) del TSA

Diventare membro del Turtle Survival Alliance (TSA), significa supportare le iniziative dell'Alleanza a favore delle tartarughe.

Chi diventa socio del TSA, quindi, ne sostiene la ricerca, i programmi di protezione e di emergenza, i progetti divulgativi ed educativi istituiti nei luoghi dove le tartarughe vivono e sono a rischio estinzione.

Si diventa membri del TSA con una quota partecipativa annuale in dollari USA (USD). Le quote annuali si differenziano per categorie di appartenenza:

  • Individuo: 50 USD.
  • Anziani e Studenti: 25 USD.

Altre opzioni sono possibili, ad esempio per ricevere solo il magazine online.

In che altro modo supportare il TSA

Il sito web dell'Alleanza ha un'area e-store dove gli utenti, anche se non soci, possono acquistare una delle Turtle Survival Alliance T-shirt, le polo del TSA o il cappellino oppure la tazza in alluminio e altri gadget.

Un po' care le spese di spedizione verso l'Italia. Ai 13 USD richiesti di base bisogna aggiungerne altri 20 USD. Senza dimenticare che arrivati i prodotti in Italia, verranno tassati alla dogana con spese doganali e IVA al 22% (per acquisti superiori ai 25 euro).

Altro modo di supportare il TSA è attraverso le donazioni volontarie per programmi di salvaguardia specifici.

Volontariato e lavoro

Erpetologi, naturalisti, esperti di fauna selvatica, veterinari, possono trovare spazio nel Turtle Survival Alliance come volontari ma anche attraverso le opportunità di lavoro che di volta in volta si rendono disponibili.

Due pagine distinte del sito web si occupano di fornire aggiornamenti costanti sulle esigenze di professionisti e scienziati, e sui programmi di volontariato attivi.

Chi sono e cosa fanno i volontari del TSA

I volontari del TSA vengono principalmente impiegati negli USA, in particolari periodi dell'anno. La loro attività è essenziale per contare i nuovi piccoli nati in natura e per pesare e misurare le tartarughe presenti in particolari contesti naturalistici posti sotto la responsabilità del TSA.

Si tratta prevalentemente di una attività svolta a contatto con le tartarughe d'acqua dolce, che richiede al volontario di immergersi in laghi e fiumi alla ricerca degli esemplari.

Di solito vi partecipano giovani studenti universitari e ricercatori che seguono percorsi di studio legati agli animali selvatici.

Per capire concretamente cosa fanno i volontari, guarda questo video di pochi minuti.

Concludendo

Il lavoro del Turtle Survival Alliance (TSA) è vasto, il poco noto lavoro di scienziati 👨‍🔬 👩‍🔬, specialisti e volontari prosegue da anni e mostra i suoi frutti sia in locale che attraverso pubblicazioni scientifiche o riassuntive, come l'elenco delle specie di tartarughe a rischio estinzione pubblicato nel 2011 e poi aggiornato nel 2017.

Molti fattori rischiano di vanificare gli sforzi e progressi compiuti dal TSA negli ultimi 20 anni. L'emergenza climatica in atto; la continua distruzione degli ambienti naturali per fare posto all'agricoltura di massa che deve foraggiare uno sproporzionato uso dei prodotti agricoli nella dieta delle persone; l'uso dei campi agricoli come riserva di cibo per agli animali destinati al crescente mercato degli animali da macello; gli incendi.

Il sito web di riferimento: https://turtlesurvival.org.

 

arrow up

Prodotti Utili

Sabbia e ghiaia per tartarughiera    › Riscaldatore Tetra Reptoheater RHT 50    › Filtro interno Hydor Crystal Duo 40-90    › EHEIM 3531000 aspirarifiuti a batteria estensibile    › Lampada repti glo UVB 5.0 25watt ExoTerra    › Portalampada con pinza flessibile attacco E27    › Visita il Ruga Shop

Leggi Anche

Amazzonia. Tartarughe tra vittime devastanti incendi    › Testuggine di Bell Smithsonian National Zoo Washington    › Alessandria, Villaggio Fotovoltaico. Tartarughe Laghetto con SCUD    › Misteriosa malattia carapace tartaruga Actinemys marmorata    › Inchiesta in Messico svela traffico di Tartarughe e Coccodrilli