Home
  1. Schede Tartarughe Acquatiche
  2. Tartarughe Estinte
  3. Tartarughe e Cambiamenti climatici... Preistorici

Le Tartarughe e i Cambiamenti climatici... Preistorici 🦕

Le tartarughe si sono estinte a causa dei cambiamenti climatici causati dall'uomo? La risposta è 'Nì', leggi perché.

- Foto: Phillip Black da Pixabay.com. -

Cambiamento climatico. Emergenza climatica. Eventi atmosferici straordinari. Folli che invocano la fine del mondo...

Sì è vero, l'umanità la Terra l'ha stravolta ed è ormai chiaro alla coscienza dei più. Tuttavia le tartarughe sono qui da oltre 200 milioni di anni e credo che qualcosa da questo punto di vista possano insegnarcelo. Intendo sui cambiamenti climatici.

Insegnarci cosa? Che al netto delle isole di plastica che abbiamo generato nei mari, delle acque potabili che abbiamo avvelenato e dell'aria ricca d'inquinanti e povera di ossigeno (parafrasando una nota pubblicità di acque minerali), ebbene al netto di tutto ciò che non va dimenticato, è anche vero che il pianeta che ci ospita non è mai stato fermo un solo secondo.

Sì, perché il clima non è mica stato così clemente con gli esseri viventi che hanno abitato il nostro Pianeta negli ultimi 200 milioni di anni. Non lo dimentichiamo, che tra le teorie più accreditate sull'estinzione dei dinosauri 🦖 66 milioni di anni fa, non c'è solo l'impatto con la Terra di un meteorite di grandi dimensioni.

Cosa ci possono dire quindi le tartarughe sui cambiamenti climatici? Tanto, e possono farlo attraverso le scoperte degli scienziati che non smettono di studiarle, comprese le specie di tartarughe estinte.

In poche parole. Chi ha sterminato le tartarughe 🐢? L'uomo o il cambiamento climatico? La risposta non è così scontata, e qui sotto potrai leggere il perché.

Riscaldatore Tartarughiere & Acquari

Chi ha ucciso le tartarughe preistoriche? Il clima o l'uomo?

Questa è una domanda interessante e gli scienziati che studiano le tartarughe se la sono posta. Vogliono capire se l'estinzione di antiche tartarughe è dovuta all'uomo o ai cambiamenti climatici, o ad altri fattori.

Prima di proseguire, sono necessarie due premesse molto brevi.

  1. L'uomo è presente sulla terra da circa 3,2 milioni di anni. Queste almeno le evidenze rintracciate dai paleontologi fino a ora. Le tartarughe invece sono sulla Terra da oltre 200 milioni di anni, ne consegue che possiamo essere la causa dell'estinzione delle specie di tartarughe solo di un tempo marginale rispetto alla loro lunga storia.
  2. Cambiamento climatico. Potremmo essere portati a credere che dire cambiamento climatico, equivale a: umanità sprecona, inquinante ☢ e irrispettosa. Ma non è sempre stato così. La Terra, lo ricordavo prima, è evoluta drammaticamente e continua a evolvere, anche seguendo, per così dire, fattori non dipendenti dall'uomo. Basta ricordare la storia dei dinosauri 🦕, sono morti 66 milioni di anni fa e non li abbiamo ammazzati noi: non c'eravamo.

Morale della favola? Gli scienziati credono che l'estinzione delle tartarughe sia dovuta a un insieme di cause.

"Non c'è dubbio", scrivono, che l'uomo abbia contribuito anche notevolmente all'estinzione di alcune specie, perché sono state rivenute evidenti tracce di uso delle tartarughe nell'alimentazione quotidiana delle antiche popolazioni di ominidi.

Allo stesso tempo, i cambiamenti climatici e anche la trasformazione geologica del pianeta, sono state concause da non sottovalutare. In particolare le eruzioni vulcaniche, possono essersi rese loro malgrado artefici dell'estinzione di alcune specie di tartarughe.

Ciò che gli scienziati non sanno ancora, è dove ha contribuito di più l'uomo alla loro estinzione e dove invece il cambiamento climatico o altri stravolgimenti degli habitat.

A proposito. Vorresti conoscere la lista delle tartarughe preistoriche?

- Guscio Testudo hermannii gmelin, presso Antiquarium Boscoreale (NA). -

Perché è importante capire come si sono estinte le tartarughe?

Secondo i ricercatori è indispensabile capire chi ha sterminato in un determinato contesto geografico una specie di tartaruga, sia essa terrestre o acquatica.

Comprendere le cause della loro estinzione, potrebbe aiutarci a rendere reversibili gli attuali modelli di minacce che affliggono le tartarughe, scrivono gli scienziati e aggiungono:

Che siano causate dallo sfruttamento umano o dai cambiamenti climatici e degli habitat, queste estinzioni del passato possono aiutare la nostra comprensione della lunga storia di sfruttamento delle tartarughe da parte dell'uomo e degli effetti dei cambiamenti climatici, e la loro rilevanza per i modelli attuali e futuri.

Comprendere il passato, quindi, per capire il presente e per intervenire sul futuro.

Cambiamenti climatici e tartarughe. Il caso della Emys orbicularis in Europa

In Europa, le glaciazioni e i periodi di riscaldamento interglaciale avvenuti tra il Pleistocene e l'Olocene, hanno contribuito non poco alla migrazione della Emys orbicularis, la tartaruga palustre europea.

Le ricerche hanno appurato che tra i 9.800 e i 5.500 anni fa, che la Emys orbicularis era presente anche in Svezia poiché in quel periodo il clima era più caldo e favoriva la sua presenza anche in quei territori. Ora la tartaruga palustre europea non è più presente in Scandinavia.

Mentre, durante i periodi di glaciazione più intensi, la Emys orbicularis si è rifugiata nell'estremo sud del Mediterraneo, dove ha trovato condizioni climatiche più miti e adatte alla sua sopravvivenza come specie.

Per quanto riguarda l'interazione con l'uomo, invece, la tartaruga non è stata molto cacciata probabilmente per le sue relative piccole dimensioni. Anche se le ricerche archeologiche ne hanno rinvenute alcuni esemplari che si possono associare all'uomo.

Concludendo

Le tartarughe, la loro milionaria storia, può insegnarci molto. Possono informarci su quanto accaduto, sul piano dei cambiamenti climatici, sul nostro pianeta negli ultimi 200 milioni di anni. Sono una straordinaria testimonianza del passato che non c'è più; facciamo in modo che possano continuare a testimoniarci il passato e che possano farlo anche per le generazioni che ci succederanno, a lungo.

Bibliografia

  • Turtles and Tortoises of the World During the Rise and Global Spread of Humanity: First Checklist and Review of Extinct Pleistocene and Holocene Chelonians, Turtle extinctions working group, © 2015 by Chelonian Research Foundation, 16 aprile 2015.

 

arrow up

Prodotti Utili

Sabbia e ghiaia per tartarughiera    › Riscaldatore Tetra Reptoheater RHT 50    › Filtro interno Hydor Crystal Duo 40-90    › EHEIM 3531000 aspirarifiuti a batteria estensibile    › Lampada repti glo UVB 5.0 25watt ExoTerra    › Portalampada con pinza flessibile attacco E27    › Visita il Ruga Shop

Leggi Anche

Cos'è il Chelonian Research Foundation?    › #IUCNCongress 2020 riscossa della Natura è iniziata    › Amazzonia. Tartarughe tra vittime devastanti incendi    › Testuggine di Bell Smithsonian National Zoo Washington    › Alessandria, Villaggio Fotovoltaico. Tartarughe Laghetto con SCUD