Home
  1. Ruga Fai da Te
  2. Acquaterrario fai da te. Guida completa alla realizzazione

Acquaterrario fai da te. Guida completa alla realizzazione

La guida completa per realizzare l'acquaterrario fai da te domestico, dedicato alle tue tartarughe d'acqua dolce.

Acquaterrario fai da te

In questa guida completa alla realizzazione dell'acquaterrario fai da te, ti mostrerò attraverso un esempio concreto come prepararne uno. Quella che leggerai e le immagini che vedrai, si riferiscono alla nuova tartarughiera fai da te che ho preparato per la mia tartaruga. Una nuova vasca da 120 litri che sostituisce la precedente da 60 litri. Partiamo subito.

Di cosa hai bisogno per realizzare l'acquaterrario fai da te.

Sono necessari alcuni prodotti, materiali di riciclo e attrezzi. Ti presento quelli usati da me per realizzare il nuovo acquaterrario fai da te.

Contenitore in plastica 120 litri

Lista della spesa per l'acquaterrario fai da te

Se vuoi riprodurre l'acquaterrario fai da te come l'ho realizzato io, ti riporto il link alla lista della spesa dei prodotti di base che ti serviranno: lista della spesa fatta su Amazon.

Acquaterrario fai da te: guida alla realizzazione passo passo

Per cominciare lava l'interno dell'acquaterrario in plastica. In un recipiente separato lava la sabbia per liberarla dalla polvere e impurità: specialmente la sabbia di mare è da lavare con attenzione.

Dovresti riempire un contenitore di pari volume della tartarughiera con acqua e lasciarla lì per alcune ore. In alternativa riempi l'acquaterrario fai da te a fine procedure e attendi qualche ora prima di metterci la tartaruga: così ho fatto io, avviando subito il filtro. Perché non si tratta di far 'depositare i metalli pesanti', questi nell'acqua potabile sono disciolti, piuttosto di far evaporare il cloro. Se l'acqua potabile delle tue zone è troppo calcarea, solo un filtro idoneo potrà aiutarti. Per renderla più compatibile con le esigenze della tartaruga, è necessario disciogliere un biocondizionatore appropriato.

Inserimento degli accessori

Colloca il contenitore nel luogo prescelto e inserisci la sabbia. Possono bastare 5 centimetri di fondale (vedi foto qui sotto).

Fondo in sabbia acquaterrario fai da te
Spessore fondale acquaterrario fai da te

Aggiungi la grotta fai da te o comprata. Nel mio caso ho preferito il lato opposto alla rampa di salita alla zona terrario. Un riparo in acqua è importante per il senso di sicurezza della tartaruga. Nel mio caso, Ruga ci passa l'inverno: è la sua tana per il letargo.

È il momento di aggiungere il filtro comperato o fai da te, e di aggiungere il riscaldatore. Nel mio caso il filtro fai da te è incastrato dietro la tana, con la pompa nascosta. Non è presente il riscaldatore: l'acquaterrario è collocato sul balcone. Il clima della pianura del sud Italia, rende le condizioni di vita della specie di tartaruga in mio possesso favorevoli tutto l'anno. Quindi anche niente lampada UV e riscaldante: ci pensa il sole.

Che altro? Ma certo! Ruga! Nell'immagine d'inizio articolo, la vedi aggrappata alla nuova rampa d'accesso alla piattaforma basking. Sotto, alla scoperta del nuovo filtro da mordere!

Acquaterrario grande fai da te

 

arrow up

Articoli Recenti

Trachemys scripta troostii: Tartaruga orecchie arancioni cumberlandAquaflow Technology AEF-302. Filtro esterno per tartarughiera    › Coibentare tartarughiera all'aperto con polistirene estruso    › Dove liberare le tartarughe d'acqua dolce?    › Caratteristiche Sera UVC-Xtreme 800 UV e 1200 UV. Filtro esterno

Prodotti Suggeriti

Riscaldatore sommergibile Anself    › Sterilizzatore germicida UVC interno 0.5W    › Aquaflow Technology Filtro 3 strati + UV    › Lampada repti glo UVB 5.0 25watt ExoTerra    › Portalampada con pinza flessibile attacco E27    › Visita il Ruga Shop