Home
  1. News Tartarughe d'acqua dolce
  2. Come denunciare le Trachemys Scripta e a chi: il modulo

Come denunciare le Trachemys Scripta e a chi: il modulo

Scopri come denunciare le Trachemys Scripta e a chi. Scarica il modulo di denuncia di possesso da qui e leggi come compilarlo.

- Semplicemente Ruga :-) -

Le Trachemys scripta sono considerate invasive perché si adattano bene al nostro clima e proliferano anche in natura modificando gli ecosistemi in cui sono introdotte. Il nuovo decreto legislativo 15 dicembre 2017 n° 230 entrato in vigore il 14 febbraio 2018, ne vieta di fatto la commercializzazione, introduzione sul territorio nazionale, e il rilascio in natura. Chi ne possiede uno o più esemplari deve denunciare il possesso della Trachemys scripta entro 180 giorni dall'entrata in vigore della legge. Qualsiasi sottospecie deve essere denunciata, nessuna esclusa.

Dal momento che anche la mia Ruga è una Trachemys scripta scripta, vediamo come procedere per fare la denuncia della (delle) Trachemys scripta in nostro possesso.

Tartarughiera

Kit Completo

Entro quando va denunciato il possesso delle tartarughe invasive?

La denuncia delle tartarughe invasive va inoltrata entro il 13 agosto 2018. Cioè entro 180 giorni dal 14 febbraio 2018, giorno di entrata in vigore della legge.

A chi bisogna denunciare il possesso della Trachemys scripta?

La denuncia del possesso di uno o più esemplari della Trachemys scripta va inoltrata al Ministero dell'Ambiente.

Dove va spedito il modulo di denuncia della Trachemys scripta?

Il modulo di denuncia della Trachemys va spedito scegliendo una delle seguenti modalità:

  • Posta elettronica certificata: [email protected]. Ma attenzione! Devi usare anche tu un indirizzo di posta elettronica certificata per l'invio! Essa avrà così valore legale come se l'avessi consegnata a mano o spedita come una raccomandata con ricevuta di ritorno.
  • Raccomandata con ricevuta di ritorno a: Ministero dell’Ambiente, Direzione Protezione Natura, Divisione II, Via Cristoforo Colombo n. 44 - 00147 - Roma.
  • Via FAX al numero: 06-57223468.

Per maggiori informazioni puoi metterti in contatto col Ministero dell'Ambiente attraverso l'indirizzo di posta elettronica [email protected]. (NON inviare qui il modulo: non avrebbe valore legale).

Dove scarico il modulo per la denuncia della Trachemys scripta

Qui ti riporto il link diretto da dove scaricare il modulo per la denuncia della Trachemys scripta. Clicca qui.

Come compilare il modulo 'Denuncia di possesso di esemplari vivi di specie esotiche invasive'

Passiamo ora a vedere come bisogna compilare il modulo 'Denuncia di possesso di esemplari vivi di specie esotiche invasive'.

  1. Partiamo dall'inserimento dei dati personali.

    I dati personali da inserire sono quelli del titolare della tartaruga / tartarughe. Se la tartaruga è stata regalata a un minore è chiaro che dovrà essere intestata a uno dei genitori o al tutore legale del minore.

  2. Alla voce 'Specie custodita', scrivi il nome della specie in tuo possesso. Non basta scrivere Trachemys scripta, ma dovrai ad esempio scrivere Trachemys scripta troostii. Se hai più esemplari di diversa sottospecie, scrivi i nomi separandoli con una virgola e scrivi accanto quanti esemplari per ciascuna specie possiedi.

  3. Riporta il numero di esemplari da dichiarare — 1, 2, 4, ecc. —. Qui riporti il totale degli esemplari.

  4. Scrivi l'età della tua tarta. Se non sei sicura/o, scrivine una che si avvicini. Altrimenti lascia stare. Se hai più di un esemplare riporta le età separandole con la virgola. Se hai esemplari di diversa specie, scrivi l'età e tra parentesi solo la sottospecie. Esempio: 8 anni (elegans); 5 anni (troostii).

  5. Il sesso. Se non conosci il sesso, fatti aiutare da un veterinario esperto in rettili. In particolare se hai più di un esemplare, indicare il sesso potrebbe essere determinante per non vedersi "bocciata" la denuncia.

  6. Modalità di custodia, riproduzione e fuga. Qui viene la parte più delicata. Devi specificare come custodisci la tartaruga e come fai a impedirne la fuga. Come sai le tartarughe sono delle "simpatiche scalatrici".

    Per quanto riguarda la riproduzione, se hai un solo esemplare non serve spiegare nulla, è implicito. Ma se hai una coppia di maschio e femmina, oppure hai un "harem" (due o tre femmine e un maschio) dovrai specificare che d'ora in poi vivranno separati.

  7. L'indirizzo dove sono custodite. Sembra una domanda bizzarra ma chi le tiene in campagna ha compreso cosa si intede qui. Mentre sopra hai scritto dove hai la residenza tua, qui devi scrivere "la residenza della tartaruga" nel caso tu l'abbia da un'altra parte: in campagna, laghetto della nonna...

Qui sotto ti riporto un esempio di compilazione. L'originale scaricalo da qui.

Denuncia tartarughe invasive: raccomandazioni finali

Vorrei quindi ricordare che adesso non è più possibile l'accoppiamento della Trachemys scripta di qualsiasi sottospecie. Va da se che quindi non è più possibile far fare la deposizione delle uova alle Trachemys scripta femmina, di qualsiasi sottospecie. Se si vuole continuare a farlo e si dovesse essere scoperti (attenti ai "vicini che vi vogliono bene") si rischiano multe salate: da 1.000 euro a 50.000 euro (art. 25, comma 4, lettera a).

Così come, con l'introduzione del nuovo decreto, importare o commercializzare Trachemys scripta è illegale. Ed è illegale addirittura regalarle... già, addirittura. Si possono solo cedere gli esemplari ai centri autorizzati.

Concludendo

Io ho inviato la denuncia di possesso per la mia Ruga. E tu?

 

arrow up

Prodotti Suggeriti

Sabbia e ghiaia per tartarughiera    › Riscaldatore Tetra HT 100W    › Filtro interno Hydor Crystal Duo 40-90    › EHEIM 3531000 aspirarifiuti a batteria estensibile    › Lampada repti glo UVB 5.0 25watt ExoTerra    › Portalampada con pinza flessibile attacco E27    › Visita il Ruga Shop

Articoli Recenti

La Tartaruga di Blanding si può salvare dall'estinzione    › Tartaruga rovesciata d'Acqua o di Terra: cosa fare?    › Cina e Vietnam: salvare la tartaruga Rafetus Swinhoei    › Cina: trovato Fossile Tartaruga di 228 milioni anni fa    › Consigli Cotone Biochimico Acquario e Tartarughiera